Come Risparmiare con il Frigorifero

In questa guida mettiamo a disposizione alcuni consigli utili su come risparmiare con il frigorifero.

Il frigorifero è uno degli elettrodomestici più dispendiosi, ma di cui non si può assolutamente fare a meno: il suo consumo energetico è mediamente di 100-240 W/h, e risulta essere in funzione 24 ore su 24. Ma è possibile risparmiare anche il 50% di energia elettrica se si seguono alcuni consigli. Per prima cosa bisogna considerare il tipo di frigorifero da comprare, uno di classe C o anche inferiore, uno particolarmente vecchio, per esempio, consuma fino a tre volte di più di uno di classe A+. Risulta essere consigliabile, di conseguenza, investire nell’acquisto di un frigorifero nuovo e spendere qualcosa in più una volta sola, piuttosto che circa 100 euro al mese in più di elettricità, il costo in più, infatti, viene recuperato per intero nei primi quattro anni. Inoltre, vi sono incentivi governativi per l’efficienza energetica, cosa che rende la spesa ancora più conveniente.

Nella scelta del nuovo frigorifero bisogna anche tenere conto che esso sia proporzionato alle proprie esigenze, le capacità medie corrette sono più o meno dai 100 ai 150 litri per 1 persona, dai 220 ai 280 per 2 o 4 persone, dai 300 litri e oltre per più di 4 persone, si ricorda che il consumo aumenta di circa 10 kWh ogni 100 litri di capacità. Risulta essere importante, inoltre, optare per i modelli No Frost, questi sono dotati di un ventilatore interno che fa circolare l’aria tra i vani e che rende più veloce il congelamento, bloccando anche la formazione della brina, che aumenta di molto i consumi energetici per mantenere all’interno basse temperature. Non tutti sanno, inoltre, che un frigorifero con una sola porta consuma molto meno rispetto a uno a doppia porta, ma solo se parliamo di una capacità di 20 litri, se abbiamo a che fare con una capacità di 300 litri invece, il frigo con un solo motore risulta più vantaggioso a livello energetico.

Un altro suggerimento che va oltre al tipo di frigorifero da acquistare, riguarda il non riempirlo eccessivamente. Non tutti sanno che è molto dispendioso, più il frigo è pieno, maggiore sarà la quantità di energia necessaria per mantenere la temperatura desiderata. Risulta essere però importante che esso non sia nemmeno troppo vuoto, in questo caso, è possibile riporre nel frigo delle bottiglie d’acqua che contribuiscono a mantenere bassa la temperatura interna dell’elettrodomestico e di conseguenza, riducono il lavoro del motore del frigorifero e quindi il consumo di energia. L’ideale è distribuire il cibo in maniera uniforme. I ripiani del frigo hanno una temperatura specifica che si adatta alla conservazione degli alimenti: i vani dello sportello sono i più caldi, mentre il ripiano in basso è quello più freddo.

Ancora, è utile non aprirlo inutilmente o troppo spesso visto che questo contribuisce alla dispersione del freddo. In caso di assenza da casa per un tempo prolungato, come per esempio per le vacanze estive, è bene spegnere il frigorifero, svuotarlo e lasciarlo sempre con la porta aperta. Non bisogna mettere all’interno del frigo cibi troppo caldi che consumano la maggioranza dell’energia dell’elettrodomestico per raffreddarsi, piuttosto è meglio introdurre cibi a temperatura ambiente. Un altro accorgimento importante è quello di non posizionare il frigorifero vicino alle fonti di calore, è preferibile che esso sia lontano dal forno, dai termosifoni e dalle finestre esposte al sole visto che il calore, soprattutto quello del forno, influisce sul funzionamento del frigorifero, facendolo lavorare di più. Risulta essere anche utile distanziare il frigorifero dal muro e lasciare uno spazio libero intorno di almeno di 20 cm, così da permettere una più facile dispersione del calore.

Risulta essere consigliabile regolare il termostato tra il livello minimo e quello medio, e controllare la temperatura, quella del frigorifero deve essere compresa tra i 3 e i 5 gradi, quella del congelatore tra i -18 e i -15 gradi. Risulta essere inutile impostare una temperatura maggiore, visto che sarebbe solamente un inutile spreco di energia e quindi di denaro.

Bisogna dare sempre un’occhiata alle guarnizioni del frigorifero perché se danneggiate, lasciano entrare calore. Risulta essere importante pulire regolarmente la serpentina del frigorifero, posta dietro al’elettrodomestico,in modo da togliere la polvere che si deposita con il tempo, magari facendo ciò mentre si sbrina il frigo, si ricorda che si tratta di un’operazione da effettuare quando il frigorifero non è sotto corrente. Questa semplice accortezza aumenta l’efficienza del frigorifero e favorisce quindi il risparmio energetico.

In inverno, quando le temperature sono già molto basse, è consigliabile lasciare il cibo sul davanzale di una finestra, per esempio, prima di metterlo subito in frigo, cosa che permette di abbassarne in maniera naturale la temperatura. Un ottimo esempio sono le casse di acqua, che possono essere tranquillamente conservate all’esterno, senza la necessità di servirsi del frigorifero, spesso la temperatura esterna può essere anche inferiore a quella dell’elettrodomestico. Risulta essere una soluzione che non costa nulla, ma che permette di consumare meno energia e quindi risparmiare di molto sulla bolletta.

Risparmiare con il frigorifero è quindi possibile.